54, Rue de la Liberté, Tanger - Maroc
+212 6 36628815

Comitato Dante Alighieri di Tangeri: la Storia

La Società Dante Alighieri è una rete operativa creata nel 1889 per diffondere la lingua e la cultura italiana. Oggi riunisce circa 500 Comitati operanti in tutto il mondo, sotto il coordinamento della Sede Centrale di Palazzo Firenze a Roma.

A Tangeri tutto inizia nel 1919.
In questa data ha inizio un carteggio tra il Presidente della Società Dante Alighieri, Paolo Boselli, e il Comm. Sabino Rinella, Regio Agente Diplomatico a Tangeri, circa l’opportunità di istituire un Comitato in quella città.
Il Comitato di Tangeri viene fondato quello stesso anno e il Comm. Sabino Rinella ne è il Presidente.
La documentazione relativa a questo primo periodo è molto scarsa. Sappiamo solo che nel 1921 la Presidenza passa nelle mani del Conte Andrea Niccolò Brentan.

Dal 1934 si hanno più notizie. In quell’anno si organizzano alcune conferenze – tra le quali una del Conte Brentan – e vengono aperti presso la “Casa dell’Italia” i corsi di Cultura Italiana.

Nel 1935 si ricordano un paio di conferenze e l’invio, da parte della Sede Centrale, di un cospicuo numero di volumi per la Biblioteca del Comitato.

Il 1938 vede una commemorazione di Gabriele D’Annunzio, il Conte Brentan diviene Presidente Onorario e la presidenza effettiva viene assunta dal Comm. Giuseppe Marchigiano. Nello stesso anno si aprono i corsi di Lingua e Cultura italiana per stranieri.

Nel 1939 si tiene una conferenza in occasione del Bimillenario Augusteo. Inoltre, facendo seguito ad una richiesta di connazionali, viene organizzato, parallelamente ai Corsi di Cultura superiori, uno speciale corso dedicato a lavoratori analfabeti.


È del 1940 l’invio, da parte della Sede Centrale, di libri-premio destinati ai migliori allievi dei corsi di Lingua e Cultura italiana organizzati dal Comitato. Nello stesso anno viene inaugurata la nuova Sede Sociale con la partecipazione di una pianista italiana. Tra le attività di quell’anno ci sono anche due conferenze e un concerto. Il 1940 si conclude con la celebrazione, il 30 maggio, della Giornata degli Italiani nel Mondo, alla presenza del Maresciallo Badoglio.

Di quello che accade in seguito si hanno scarse notizie, probabilmente dovute allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale.

Dal 1949 il Comitato di Tangeri riprende la sua attività sotto la reggenza del Dott. Giovanni Apostoli, nominato Presidente l’anno seguente.

Il 1950 vede l’inaugurazione dei corsi di Lingua, Letteratura e Storia dell’Arte italiana. Il Comitato si trasferisce nella nuova sede, il Palazzo delle Istituzioni Italiane (ex Palazzo Moulay Hafid). All’inaugurazione – dove si tiene una conferenza su Dante e la Commedia – sono presenti numerose Autorità italiane.
I corsi di lingua e cultura italiana riscuotono grande successo. Sono seguitissime anche le Lecturae Dantis, integrate da conferenze. Nello stesso anno si costituisce il nuovo Consiglio Direttivo, Presidente il Dott.Giovanni Apostoli. Viene anche organizzata una mostra di Pittura italiana antica e moderna.

Successivamente mancano notizie fino al 1967, anno ricco di iniziative culturali: quattro conferenze, tre concerti, un concerto-conferenza, la presentazione di un documentario su Michelangelo, due borse di studio concesse dalla Presidenza.

Anche il 1968 presenta un ricco calendario di iniziative: la Settimana del Cinema Italiano, numerosi concerti ed alcune conferenze, tra le quali quella del giornalista Enzo Biagi dal titolo “Esperienze di un inviato speciale”. Durante questo anno si registra un notevole aumento del numero di Soci.

Il 1969 è un anno di grandi eventi e cerimonie. Viene inaugurata l’esposizione delle riproduzioni dei disegni conservati presso la Galleria degli Uffizi di Firenze, alla presenza di Autorità Diplomatiche europee oltre ad un’importante rappresentanza del mondo culturale e politico del Marocco. Ha luogo a Tangeri la visita ufficiale dell’Ambasciatore Italiano S.E. Amedeo Guillet.
Si celebra la “Giornata della Dante” nel salone delle Istituzioni Italiane. Si tengono concerti e conferenze. Vengono conferiti Diplomi di Benemerenza ad alcune personalità. Stesso riconoscimento, con Medaglia d’Oro, al Dott. Armando Rota, Console Generale d’Italia e Presidente Onorario del Comitato e, con Medaglia d’Argento, alla Prof.ssa Elisa Seccia, Presidente del Comitato.

Nel 1970, in seguito al rientro in Italia della Prof.ssa Seccia, assume la reggenza la Dott.ssa Lucia Bedarida Servadio, che sarà nominata Presidente nel 1971. In questo anno vengono organizzati quattro concerti e una conferenza. Nel 1971, il Comitato forma una speciale commissione in favore di Venezia, sotto l’alto Patronato della Principessa Lalla Fatima Zahra, cugina del re. L’anno successivo è Presidente la Principessa Marta Ruspoli cui succede, poco dopo, il Prof. Virgilio Casini.

In seguito alla scomparsa di Casini, nel 1974 diventa Presidente la Sig.ra Simonetta Ponzone alla quale succede, nel 1977, Cherif D’Anazzone.

Nel 1981 D’Anazzone viene nominato Presidente Onorario e diviene Presidente la Sig.ra Emira Pizzuto.

Nel 1987 l’attività del Comitato è sospesa. Riprende nel 1988 con un nuovo gruppo direttivo del quale è presidente il Dott. Mohamed Gatis. Lo stesso anno viene presentata una Conferenza-Spettacolo omaggio a Gabriele D’Annunzio. La Principessa Fatima Zahra è nominata Presidente Onorario.

Nel 1991 Presidente del Comitato è Ruggero Mollo.

Le notizie documentate arrivano fino al 1994, anno in cui si costituisce un nuovo Consiglio Direttivo con a capo il Presidente Ruggero Mollo.

Dal 1996 il Comitato risulta disciolto.

2016

Il 6 dicembre 2016, nella cornice dello storico Hotel Continental, ha avuto luogo la presentazione ufficiale del Comitato. In tale occasione hanno preso parte, la Dott.ssa Silvia Giugni e la Dott.ssa Sara Di Simone, rappresentanti della Società Dante Alighieri di Roma, il M° Jamal Ouassini, Presidente del Comitato di Tangeri, la professoressa Carla Landi responsabile dei corsi della lingua italiana per il comitato di Tangeri, docenti universitari, giornalisti, studenti, rappresentanti degli istituti culturali esteri e autorità locali.

La società Dante Alighieri ritorna a Tangeri dopo una lunga assenza e riapre le porte alla cittadinanza e alle persone di passaggio nella perla dello stretto come centro culturale italiano.

L’Italia è il paese dell’arte, della cultura e del ricco patrimonio ambientale, architettonico, archeologico e – non dimentichiamolo – gastronomico.

SALONE DEL LIBRO
SALONE DEL LIBRO
INAUGURAZIONE
INAUGURAZIONE
#VIVERE ALL’ITALIANA
#VIVERE ALL’ITALIANA
GIORNATA DEL CONTEMPORANEO
GIORNATA DEL CONTEMPORANEO